TAB SOCI LATERALE
Sapzio Soci_lan
facebook_lan
 

La Banca

bassa friulana mappa

E' dritta e ampia la strada che da Palmanova porta verso Castions di Strada: la Stradalta o Napoleonica, chiamata così in memoria dell'imperatore francese che la volle più bella, attraversa una campagna che prima di scendere al mare è luminosa, rigogliosa di campi ben coltivati, interrotta qua e là da boscaglia, retaggio dell'antica foresta di latifoglie. Quei campi sono l'eredità lasciata dagli agrimensori latini che a poco più di un secolo dall'era cristiana hanno tracciato partendo da Aquileia i confini dei poderi. E oggi con i loro canali e risorgive sono il biglietto da visita di chi entra nella Bassa Friulana, a una quindicina di chilometri da Udine. Ci raccontano queste centurie delle fatiche e delle gioie di secoli, di gente che alla terra, ai suoi frutti ha dedicato la vita. I segni del dominio latino sono anche nei toponimi: Castions appunto fu sede del castrum romano. E' qui, all'ingresso del piccolo borgo di 4.000 abitanti, che si trova l'edificio moderno, essenziale e geometrico nei tratti, della Banca di Credito Cooperativo della Bassa Friulana: quasi a formare una linea di continuità con le forme squadrate della campagna, simboleggia quanto l'Istituto sia diffuso nella realtà circostante con i suoi undici sportelli.